Super Nonno !Bambole ad uncinetto per ridare fiducia ai bambini che hanno la vitiligine…e non solo!

Si chiama Vitilinda ed è la prima bambola con la Vitiligine.

A crearla è stato Joao Stanganelli , 64enne in pensione che ha scoperto di avere una passione per l’uncinetto. Lui soffre di vitiligine da più di 30 anni, una malattia cronica della pelle che può avere conseguenze emozionali e psicologiche devastanti perché rende complessi i rapporti sociali, nei bambini è quindi una malattia che crea gravi problemi con i coetanei e mina fortemente la stima ed il carattere in un periodo della vita in cui, lo stato emozionale di sé stessi è ancora da formare.

Per questo, una volta andato in pensione, Joao ha chiesto alla moglie di insegnargli a fare l’uncinetto e da quel momento ha creato Vitilinda, ma non solo, ha creato anche bambole sulla sedia a rotelle e un’altra con l’alopecia. “Un modo per superare un taboo tra i bambini, e magari anche tra gli adulti, ma soprattutto per far capire ai bambini affetti da qualsiasi malattia che non sono meno belli rispetto agli altri.”(fonte ohga )

Mi è sembrata una bellissima idea quella di sfruttare il mondo degli amigurumi   per aiutare i nostri bambini a crescere nel rispetto e nella tolleranza!

 

 

 

 

 

Claudia Maccioni

Appassionata di artigianato, creativa a 360 gradi, dopo anni di lavoro fra digital marketing, servizi pubblicitari e PR sono passata al mondo dei Blog. Mi occupo di Content Marketing e sono Digital PR per piccole e medie aziende, in più gestisco vari blog fra cui GOMITOLI MAGICI® ; il secondo blog nel settore in Italia (il primo fra i blog non professionali), con più di 2000 visite al giorno. Un gruppo Facebook con mille mila iscritti. Una pagina Twitter che è la Prima nel settore blog uncinetto e ovviamente mi trovate anche su INstagram e LInkedin. Inoltre posso aiutarvi a creare il vostro e-commerce privato !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest

Share This